Breve Storia del Cinema e interattività

Da un pò di tempo, in fondo ad ogni pagina del sito www.brevestoriadelcinema.org c’è uno spazio nel quale poter lasciare commenti, consigli, suggerimenti, porre domande tramite il proprio profilo Facebook. Certo, mi piacerebbe attivare un forum o un altro spazio accessibile a tutti anche a chi non appartiene, e non vuole appartenere, a Faccialibro, purtroppo le mie conoscenze informatiche sono alquanto limitate e ancor più le mie risorse economiche. Ad ogni modo spero vorrete ultilizzare quanto più possibile questo spazio per aiutarmi a migliorare il sito.

L’ho creato l’intendo che fosse un qualcosa a metà tra un libro e un sito web e che di entrambi raccogliesse solo gli aspetti migliori. Per leggere un libro non c’è bisogno di una connessione, lo si può fare dovunque e in qualsiasi momento, basta averlo con sé, così non è ancora per Breve Storia del Cinema, che pure come un libro è strutturata. La rete ci rende disponibile una quantità innumerevole di informazioni, spesso anche molto specifiche, racchiuse però, in vasi non sempre comunicanti : su Wikipedia posso trovare una lunga pagina dedicata a Georges Méliès, dati biografici, la sua filmografia… ma se volessi capire quale è il suo posto nella storia del cinema avrei qulache problema, perché quella pagina parla solo di Méliès, posso seguire i link riportati, aprire altre pagine che rimanderebbero ad altre pagine e la mia bussola perderebbe facilmente il suo nord.

Invece in un libro non si può smarrire la direzione : è sempre quella che va dalla prima all’ultima pagina. È seguendo questa sola rotta che ho scritto e impostato il moi racconto sulla storia del cinema. Ma lungo questo percorso rettilineo, di stazione in stazione, ciascuno può fermarsi, visitarne i ditorni, sostare prima di riprendere il viaggio. Questo è possibile attraverso i collegamenti multimediali che ho inserito in ogni pagina e che un normale libro non potrebbe contenere. Studiando cinema sui libri, all’università, avendo come riferimento solo poche e piccole immagini, non era sempre facile comprendere il discorso. Ma su un sito io posso incorporare un film intero, non descrivere una scena, ma farvela vedere, non solo citare in una nota il testo a cui faccio riferimento, ma anche condurvici direttamente.

E poi c’è l’interattività, quell’altro meraiglioso aspetto di internet che un libro, ormai stampato non ha. Leggendo un libro non hai quasi mai la possibilità di comunicare con l’autore, fargli una domanda, ricevere una risposta, dargli un consiglio, correggierlo, o addirittura partecipare allo sviluppo del suo racconto. Su internet si può, su ww.brevestoriadelcinema.org non è ancora così semplice, ma si può. Perciò vorrei rinnovarvi non solo l’invito a leggere, ma soprattutto a partecipare a questa breve storia del cinema.

Precedente Il pane, il vicolo e Kiarostami Successivo La magia del Catalogo Lumière