Io GoPro

GoPro

Ho comprato una videocamera GoPro, ora mi sto chiedendo come usarla in maniera originale. Non ho intenzione di lanciarmi con il paracadute, ne cimentarmi con il ciclismo estremo. Mettiamola a confronto con classica videocamera, cosa è possibile fare con l’una e con l’altra no?

Con la Panasonic HC-X1000 posso controllare l’esposizione e la messa a fuoco manualmente, vedere l’immagine sul display e regolarmi di conseguenza, non tutte queste operazioni possono essere eseguite con una GoPro e soprattutto, non in maniera altrettanto pratica e veloce. Rispetto ad una normale videocamera, una GoPro ha dimensioni minuscole, può essere trasportata e fissata dovunque, si possono così ottenere punti di vista impossibili per una videocamera di dimensioni maggiori. Ad esempio, potrebbe essere portata da un attore mentre recita su un palcoscenico. In questo modo, oltre che il punto di vista del pubblico, si può ottenere anche quello del personaggio nella storia. Lo stesso si potrebbe fare con una ballerina mentre danza avendo cura, certo, di nascondere il più possibile questa piccola videocamera agli occhi degli spettatori, magari mimetizzandola in una ghirlanda di fiori o facendola sembrare il diadema al centro di una corona. Questi mi paiono esperimenti interessanti da realizzare senza rinunciare alla mia vecchia Panasonic, perché la storia del cinema cel’ha insegnato: una soggettiva non è efficace se non viene inquadrato il soggetto dello sguardo. La GoPro sembra fatta apposta per realizzare inquadrature soggettive, è predisposta per assumere il punto di vista di chiunque, anche di un animale o di un qualsiasi oggetto. Perché no? Potrei trovare il modo di fissarla, in maniera discreta e rispettosa, magari su un cane e raccontarvi di come il nostro migliore amico vede il mondo. Fissandola su un oggetto che si muove, magari un drone come fanno in molti, si potrebbero ottenere immagini sensazionali. Ma far volare un drone è una faccenda un po’ complicata visto la confusa normativa a riguardo, e se trovassi altri mezzi? Ad esempio un pallone ad elio o una macchinina radiocomandata? Potrei ottenere immagini altrettanto inedite senza problematiche burocratiche, ma il problema di fondo resterebbe lo stesso: l’eterna lotta tra il cinema delle attrazioni e il cinema della narrazione, perché le immagine di una GoPro ci stupiscono, ma raramente ci raccontano una storia e dopo aver esclamato “Wow!” cominciamo presto ad annoiarci.

L’attore, il cane e la ballerina, mi sembrano al momento i progetti narrativamente più proficui. In attesa di poterli attuare, ho realizzato questo breve video in time-lapse dalla finestra di casa mia, un altro uso per cui una videocamera GoPro è molto più pratica di altri mezzi.

E  voi avete qualche bella idea? se sì. scrivetemi e giriamo insieme il vostro video.

Lascia un commento


*